Progetto per Ospedale Miulli: Dritti al cuore!

Dritti al cuore!

Progetto di Formazione per l’Ente Ecclesiastico Ospedale Generale Regionale «F. Miulli» di Acquaviva di Bari «Dritti al cuore! ».Da un cuore indurito ad un cuore dilatato

 

PREMESSA

Al centro di una organizzazione ospedaliera vi è la persona nella sua vulnerabilità e le relazioni di fiducia che permettono la relazione di cura. È questa a permettere ad una macchina così complessa di veicolare le competenze e professionalità di tutti verso il bene delle persone.

Alla maggior parte dei professionisti coinvolti in tale organizzazione, quali medici, assistenti e dirigenti, sono richieste competenze tecniche e scientifiche sempre più complesse. Sappiamo come il prezioso lavoro dei dipendenti si renda sempre più sfidante. La focalizzazione sulla prestazione lavorativa rischia però a volte di penalizzare il benessere spirituale degli stessi professionisti coinvolti andando ad inficiare la stessa relazione di cura.

Per questo lOspedale ha pensato di occuparsi del bene spirituale dei suoi dipendenti e di mettere a loro disposizione un percorso che permetta a ciascuno di accedere a quella cura spirituale che consenta a ciascuno di vivere, lavorare e sentirsi una persona unificata.

Il percorso proposto intende quindi offrire un nutrimento per il cuore che offra a ciascun dipendente dellOspedale di (ri)sintonizzarsi sulla propria motivazione profonda, rafforzare le proprie potenzialità ed energie, coltivare la capacità di persistere nel perseguire obiettivi sfidanti e fronteggiare le difficoltà del lavoro e della vita quotidiana.

Per fare questo, ci rivolgeremo ad una tradizione ricca e antica come quella monastica, dove il cammino spirituale si nutre dellattenzione su di sé e della conoscenza dei propri moti interiori per imparare a discernerli e gestirli in vista della costruzione di una comunità vitale.

LA FORMULA E I DESTINATARI

Si tratta di un percorso di circa trenta giornate, riunificate sotto la comune metafora del cuore, che conduca idealmente dal cuore indurito al cuore dilatato: cardiognosia, sclerocardia, puritas cordis, cuore dilatato, il cuore «monaco», la beatitudine della pace del cuore.

Partendo dallascolto e conoscenza dei propri moti interiori, si offrono strategie per gestirli personalmente e comunitariamente in modo da arrivare ad uno sguardo nuovo su sé stessi, gli altri e la realtà.

La struttura delle singole giornate - che possono costituire momenti autonomi di arricchimento personale - prevede una conferenza iniziale di introduzione alle tematiche e contenuti dei moduli seguenti, e di un momento di team coaching o coaching individuale (in alternativa anche dei semplici workshop) sugli obiettivi specifici relativi ai momenti di confronto-formazione.
Destinatari: management dellospedale, medici, infermieri, studenti.

OBIETTIVO E METODOLOGIA

Il ciclo di incontri propone un percorso di ascolto e consapevolezza del proprio cuore, dei suoi bisogni spirituali, del modo in cui gestire i suoi moti in vista di una unificazione del cuore, nella speranza di contribuire ad un Ospedale in cui cuori con-cordi diano vita ad una maggiore circolazione di benessere, cura e sostegno.

Il programma predilige gli apporti provenienti da una sapienza spirituale antica come quella monastica (in particolare i Padri del deserto e la Regola di S. Benedetto), la quale offre insegnamenti ancora attuali, capaci di apportare miglioramenti relativi al benessere personale, spirituale e aziendale.

 

Proposta provvisoria di calendario

e tematiche specifiche del percorso.

 

Cardiognosia: conoscenza del cuore.

Auscultare. Teoria e pratica.

 

Cardiognosia.

I moti del cuore: gli otto pensieri principali.

 

Cardiognosia.

Gestire la forza appetitiva (cibo, sesso, denaro): natura, analisi e rimedi.

 

Cardiognosia.

Gestire la forza propulsiva (tristezza, ira, accidia): natura analisi e rimedi.

 

Cardiognosia.

Gestire la forza razionale (riconoscimento e autocentramento): natura, analisi e rimedi.

 

Sclerocardia.

Dispersione e trattenimento delle potenze interiori (vizi).

 

Purificazione del cuore.

Allenare talenti e competenze: imparare a leggere, a morire, a vivere

 

Purificazione del cuore.

Abitare il limite: senso di colpa e senso del peccato.

 

Purificazione del cuore.

Gestione dei conflitti.

 

Dilatazione del cuore.

Verso l’eccellenza (virtù)

 

Dilatazione del cuore.

Nuovi vizi e nuove virtù: i sette vizi digitali e la resilienza.

 

Unificazione del cuore.

La forza della motivazione.

 

Beati i puri di cuore.

Non si vede bene che col cuore.

 

Beati i pure di cuore.

Lo sguardo nuovo degli occhi del cuore: la conversione del cuore.

 

Cuori concordi ma non all’unisono.

Cosa è Coaching?

CosaèCoaching